Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Resoconto integrale delle discussioni
XML 2k
Giovedì 11 aprile 2024 - Bruxelles Edizione provvisoria

Mercati interni del gas rinnovabile e del gas naturale e dell'idrogeno (rifusione) - Norme comuni per i mercati interni del gas rinnovabile e del gas naturale e dell'idrogeno (rifusione) - Assetto del mercato dell'energia elettrica dell'Unione: regolamento - Assetto del mercato dell'energia elettrica dell'Unione: direttiva (discussione congiunta - Riforma dei mercati dell'energia e dell'elettricità)
MPphoto
 

  Patrizia Toia, a nome del gruppo S&D. – Signor Presidente, onorevoli colleghi, questa è una riforma importante. Lo è stato detto e lo capiremo quando l'attueremo, quanto sia stata importante.

Voglio sottolineare qui tre aspetti. Il primo: noi abbiamo in qualche modo disegnato i fondamenti attorno ai quali potrà nascere e prosperare un mercato dell'idrogeno e anche un mercato dei gas rinnovabili. Ne abbiamo garantito l'iniezione nella rete per il biometano, per altri, definendone un po' le condizioni. Questo significa che abbiamo insomma creato le condizioni per uno sviluppo di mercati che possono sostenere quel cambiamento del mix energetico che noi abbiamo disegnato in questa Europa con Repower e con altri atti importanti.

Secondo, e questo è un aspetto che sta molto a cuore al mio gruppo e a me personalmente: con questa riforma noi abbiamo creato anche un sistema di controllo e di trasparenza del mercato, del suo funzionamento e dei meccanismi di formazione dei prezzi. Abbiamo pagato un prezzo troppo alto per le incongruenze e le stranezze, tra virgolette, che spesso hanno caratterizzato la formazione dei prezzi in questi anni. Ecco, con questo regolamento e con la riforma del REMIT, che va letta in collegamento, noi affidiamo a delle autorità di controllo, come l'ACER, gli strumenti e le modalità perché fenomeni come quelli accaduti non accadano più e si lavori all'insegna della trasparenza.

L'ultima cosa: l'ultimo passo avanti è quello di fare un passo ulteriore verso l'Unione dell'energia. Non accaparramento, guerra tra i paesi, conflitto per avere le risorse necessarie, ma una vera Unione dell'energia.

 
Ultimo aggiornamento: 3 maggio 2024Note legali - Informativa sulla privacy