Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

Interrogazioni parlamentari
PDF 34kWORD 16k
29 luglio 2003
E-2573/2003

INTERROGAZIONE SCRITTA E-2573/03

di Maurizio Turco (NI)

al Consiglio


  Oggetto: Violazione degli impegni vincolanti dell'OSCE relativi alla libertà di pensiero, coscienza e religione da parte di Armenia, Azerbaigian, Bielorussia, Georgia, Kazakistan, Russia, Turkmenistan e Uzbekistan

 Risposta scritta 

A quanto risulta

 

-  i paesi membri dell'OSCE si sono impegnati a rispettare il diritto alla libertà di pensiero, coscienza e religione;

 

-  nonostante gli impegni presi in sede OSCE siano vincolanti, in alcuni di tali paesi membri i fedeli vengono ancora multati e imprigionati per la pratica pacifica della loro fede, luoghi di culto ed oggetti religiosi vengono confiscati e distrutti, la letteratura religiosa censurata e la registrazione di comunità religiose resa difficile o addirittura impossibile;

 

-  l'Armenia, l'Azerbaigian, la Bielorussia, la Georgia, il Kazakistan, la Russia, il Turkmenistan e l'Uzbekistan violano con particolare gravità e persistenza l'impegno vincolante e fondamentale alla libertà di pensiero, coscienza e religione;

 

Le procedure dell'OSCE prevedono che le decisioni vengano prese dai paesi membri tramite consenso, i paesi membri dell'UE sono inoltre membri dell'OSCE, l'Unione europea coopera con l'OSCE.

 

La Commissione europea, di fronte alla violazione del diritto alla libertà di pensiero, coscienza e religione da parte di terzi con cui ha accordi, non ha mai sospeso o minacciato di sospendere detti accordi, pur riconoscendo apertamente che in questi paesi sono violati i diritti umani fondamentali e in particolare il diritto alla libertà di pensiero, coscienza e religione.

 

Possono il Consiglio in quanto tale e i singoli paesi che lo compongono far sapere se intendono chiedere il rispetto della legalità dell'OSCE e dei suoi trattati e quindi avvalersi della facoltà di denunciare la violazione grave e persistente dei diritti umani fondamentali e in particolare del diritto alla libertà di pensiero, coscienza e religione in Armenia, Azerbaigian, Bielorussia, Georgia, Kazakistan, Russia, Turkmenistan e Uzbekistan?

 

Note legali - Informativa sulla privacy