• FR - français
  • IT - italiano
Interrogazione parlamentare - E-7015/2008(ASW)Interrogazione parlamentare
E-7015/2008(ASW)

    Risposta data da Vladimír Špidla a nome della Commissione

    1. La Commissione è consapevole dell'esistenza di un divario di retribuzione fra le donne e gli uomini nell'UE. Essa ha pertanto adottato, nel luglio 2007, una comunicazione dal titolo «Combattere il divario di retribuzione tra donne e uomini»[1] che sottolinea appunto tale divario a livello europeo e che indica azioni concrete da attuare al fine di ridurlo. In tale contesto, la Commissione si è in particolare impegnata per realizzare nel 2008 un'analisi delle disposizioni giuridiche attuali dal punto di vista del loro impatto sulle cause all'origine del divario di retribuzione, nonché per proporre, ove necessario, un adattamento del quadro normativo comunitario. Tale analisi è tuttora in corso.

    2. La Commissione è altresì preoccupata per la sottorappresentanza delle donne a livello dei posti decisionali e ne ha fatto una priorità nella sua tabella di marcia relativa alla parità fra donne e uomini per il periodo 2006-2010[2]. Per sensibilizzare le parti interessate, la Commissione ha segnatamente realizzato una base di dati sulla rappresentanza delle donne e degli uomini nel quadro del processo decisionale[3]. La Commissione ha parimenti creato nel 2008 una nuova rete che riunisce i rappresentanti delle reti europee operanti in tale settore.

    3.  Per quanto attiene all'allineamento dell'età pensionabile, tre tipi di pensioni vengono generalmente distinti:

    La Commissione non prevede allo stato attuale di modificare il quadro giuridico comunitario esistente.

    GU C 316 del 23/12/2009