• EN - English
  • IT - italiano
Interrogazione parlamentare - E-9508/2010(ASW)Interrogazione parlamentare
E-9508/2010(ASW)

Risposta data da John Dalli a nome della Commissione

La Commissione è consapevole che alcune organizzazioni stanno sollecitando il divieto dell'amalgama odontoiatrico. Occorre notare però che altre organizzazioni sono di parere opposto, come nella risoluzione di recente adozione del consiglio degli odontoiatri europei sull'amalgama odontoiatrico, secondo cui l'amalgama continua ad essere il materiale di riempimento più adatto per molte otturazioni dentali.

Secondo il parere scientifico adottato dal comitato scientifico dei rischi sanitari emergenti e recentemente identificati (CSRSERI) nel maggio 2008, l'amalgama odontoiatrico costituisce un materiale efficace per le otturazioni e può essere considerato come materiale di scelta per certe otturazioni. Taluni effetti locali negativi vengono riscontrati occasionalmente con i riempimenti di amalgama odontoiatrico, incluse reazioni allergiche, tuttavia l'incidenza è bassa e normalmente viene gestita facilmente.

Il CSRSERI è del parere che tutti i materiali odontoiatrici possono essere associati a percentuali molto basse di effetti locali negativi con nessuna prova di malattia sistematica. I materiali alternativi non sono esenti da limiti clinici e rischi tossicologici. Se l'amalgama odontoiatrico rappresenta un composto ben noto sul quale sono stati effettuati studi approfonditi, mancano ancora informazioni sull'intera composizione e sull'esposizione a certi materiali alternativi.

Sulla base delle conoscenze scientifiche attuali, la Commissione non intravvede alcuna giustificazione sufficiente per proporre misure destinate a limitare l'uso di amalgama odontoiatrico per la salute umana. Qualsiasi proposta legislativa che preveda misure restrittive dovrebbe basarsi su dati e documentazione affidabili nonché su una valutazione d'impatto solida.

La Commissione controllerà gli sviluppi scientifici in questo settore e riesaminerà la sua posizione qualora si renda disponibile una documentazione ulteriore.