Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

Interrogazioni parlamentari
PDF 39kWORD 40k
13 luglio 2011
E-006602/2011
Interrogazione con richiesta di risposta scritta E-006602/2011
alla Commissione
Articolo 117 del regolamento
Licia Ronzulli (PPE)

 Oggetto: Tratta cuccioli nell'Europa dell'Est
 Risposta scritta 

Secondo l'OMS, ogni dieci minuti nel mondo una persona muore contagiata dalla rabbia, malattia presente soprattutto tra gli animali selvatici. Questo morbo rimane ancora molto diffuso a causa del traffico illegale di animali da compagnia provenienti da paesi dell'Europa dell'Est, come Romania, Bulgaria e Slovenia, dove è ancora endemico.

Secondo quanto riportato dalla Lega anti vivisezione (LAV) e dalla Federazione nazionale dell'Ordine dei medici veterinari italiani, i cuccioli, ancora troppo piccoli per essere vaccinati, subiscono viaggi terrificanti in scarse condizioni sanitarie che, indebolendoli, li rendono più vulnerabili al contagio. Nonostante il quadro normativo comunitario sia a riguardo estremamente chiaro, troppo spesso il regolamento 998/2003 e la direttiva 65/1992 vengono nei fatti disattesi. Ad esempio, i documenti necessari al trasporto commerciale di animali da compagnia all'interno dell'UE vengono troppo spesso falsificati, al fine di mantenere i costi bassi e i prezzi competitivi.

Le numerose falle nei sistemi di controllo di alcuni Stati membri permettono ad organizzazioni di trasportatori, veterinari e negozianti di eludere le normativa. Sono ad esempio ancora pochissimi gli agenti di polizia che dispongono di un lettore microchip che verifichi la corrispondenza dei dati del passaporto con quelli memorizzati sul trasponditore.

Alla luce di quanto esposto, quali iniziative concrete ha intenzione di adottare la Commissione per incentivare gli Stati nazionali a fornire gli strumenti necessari per gestire e debellare il fenomeno, come ad esempio i lettori di microchip specifici già citati?

Intende la Commissione varare provvedimenti volti a garantire finalmente l'attuazione della già esistente ed efficace normativa UE in materia?

 GU C 128 E del 03/05/2012
Note legali - Informativa sulla privacy