Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
PDF 24kWORD 25k
14 novembre 2011
E-009212/2011(ASW)
Risposta di John Dalli a nome della Commissione
Riferimento dell'interrogazione: E-009212/2011

1. La Commissione ha già ricevuto denunce riguardanti il maltrattamento dei levrieri Galgo in Spagna.

2. A norma dell'articolo 13 del trattato sul funzionamento dell'Unione europea spetta in particolare agli Stati membri tenere pienamente conto delle prescrizioni in materia di benessere degli animali nel contesto di talune politiche dell'Unione. L'articolo 13 non si applica ai settori in cui l'Unione non dispone di una base giuridica per procedere ad un'armonizzazione nell'ambito del benessere degli animali.

3. Il benessere dei cani non è disciplinato da norme dell'Unione europea e la questione rimane di esclusiva competenza degli Stati membri.

4.-7. Di conseguenza, la Commissione non prevede di intraprendere alcuna azione specifica riguardo a questo problema e non dispone di informazioni sul sistema di sanzioni in Spagna.

8. Tra gli strumenti disponibili nell'ambito dei programmi di sviluppo rurale a livello UE, può essere concesso un sostegno per le misure di diversificazione delle attività agricole nelle zone rurali. Va sottolineato che qualunque sostegno concesso nell'ambito dello sviluppo rurale è soggetto alle condizioni e ai controlli definiti dalla normativa dell'Unione. I programmi di sviluppo rurale sono attuati in gestione condivisa ed è responsabilità degli Stati membri garantire il rispetto di tali regole e condizioni, anche all'atto della selezione dei progetti da finanziare. La Commissione non è a conoscenza di alcun sostegno dell'UE concesso ad aziende che si comportano come descritto dall'onorevole deputato.

9. Nel novembre 2010 il Consiglio dell'Unione europea ha invitato la Commissione a effettuare studi sul benessere di cani e gatti(1). La questione del benessere dei cani è in corso di discussione nell'ambito della preparazione di una comunicazione su una strategia UE 2011-2015 per la protezione e il benessere degli animali. Potrebbero essere prese in esame eventuali azioni per la protezione dei cani, tenendo in debita considerazione i principi di attribuzione delle competenze e di sussidiarietà previsti dai trattati dell'UE.

(1)Cfr. http://www.consilium.europa.eu/uedocs/cms_data/docs/pressdata/en/agricult/118076.pdf

GU C 154 E del 31/05/2012
Note legali - Informativa sulla privacy