Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
PDF 26kWORD 23k
17 luglio 2012
E-005923/2012(ASW)
Risposta di Janez Potočnik a nome della Commissione
Riferimento dell'interrogazione: E-005923/2012

La Commissione è a conoscenza dei problemi causati in Europa dall'uso di esche avvelenate. La direttiva uccelli e la direttiva habitat proibiscono esplicitamente tali metodi, insieme ad altre prassi simili non selettive e pericolose. L'attuazione e l'applicazione della legislazione di cui sopra sono di competenza delle autorità degli Stati membri. La Commissione, consapevole del fatto che l'uso illecito di veleno rappresenti uno dei maggiori problemi per la conservazione di alcune specie a rischio di estinzione, ha finanziato diversi progetti LIFE che hanno direttamente affrontato il problema («Innovation against poison»(1), «Antidoto»(2), «Veneno No»(3)). I risultati e l'esperienza ottenuti da questi progetti contribuiranno a trovare modi possibili più efficaci per far fronte alla questione delle esche avvelenate in Europa.

(1)http://www.lifeagainstpoison.org/modulos.php?modulo=contenido&pid=8
(2)http://www.lifeantidoto.it/index.php?option=com_content&view=article&id=45&Itemid=1&lang=en
(3)http://www.venenono.org/

GU C 182 E del 27/06/2013
Note legali - Informativa sulla privacy