Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
PDF 39kWORD 24k
13 dicembre 2012
E-011374-12
Interrogazione con richiesta di risposta scritta E-011374-12
alla Commissione
Articolo 117 del regolamento
Pino Arlacchi (S&D)

 Oggetto:  Programma operativo regionale Campania FESR 2007-2013 — Legge regionale Campania n. 12/2007
 Risposta scritta 

In esecuzione del POR Campania FESR 2007-2013 (decisione C/2007/4265 dell'11.9.2007), la Regione Campania con legge regionale n. 12/2007 e successivi provvedimenti amministrativi (bando disciplinare n.198 del 15.4.2008 e decreto dirigenziale n. 674 del 13.7.2009) ha ammesso agli aiuti per lo sviluppo e l'innovazione tecnologica 159 imprese.

Nelle modalità di assegnazione degli incentivi, in particolare nell'art. 10 del suddetto disciplinare, si stabilisce che «per gli adempimenti istruttori per la concessione delle agevolazioni e la gestione finanziaria delle relative somme previste dal disciplinare, la Regione individua un soggetto gestore, tra banche o società aventi comprovate esperienze in attività similari, in possesso dei necessari requisiti tecnici e organizzativi». Detta disposizione regolamentare ha determinato che tutti i soggetti interessati potevano accedere alle agevolazioni attraverso le banche individuate come soggetti gestori, provvedendo alla sottoscrizione di moduli e contratti predisposti e non modificabili, il cui contenuto era sicuramente noto alla Regione Campania.

Le imprese ammesse alle agevolazioni hanno dovuto dar prova concreta di interesse all'innovazione, sottoscrivendo un contratto di leasing finanziario con istituti di credito per acquistare macchinari destinati a incentivare l'innovazione tecnologica e creare occupazione.

A fine ottobre 2012, dopo circa tre anni dall'ammissione alle agevolazioni, la Regione Campania ha avviato procedimenti amministrativi di revoca degli incentivi senza fornire adeguate motivazioni ovvero utilizzando argomenti apparentemente contradditori e penalizzando comunque in maniera eccessiva imprese che rischiano il tracollo finanziario, per aver ormai contratto debiti cui dovranno far fronte.

1. Quali valutazioni la Commissione fa sulla legittimità e fondatezza dei procedimenti di revoca degli incentivi già erogati con decreto dirigenziale n. 674 del 13.7.2009 della Regione Campania?

2. Come intende richiamare l'attenzione della Regione Campania sul ritardato adempimento e come intende intervenire affinché le risorse impegnate non decadano?

 GU C 321 E del 07/11/2013
Note legali - Informativa sulla privacy