Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
PDF 40kWORD 25k
16 maggio 2013
E-005475-13
Interrogazione con richiesta di risposta scritta E-005475-13
alla Commissione
Articolo 117 del regolamento
Oreste Rossi (EFD)

 Oggetto:  Strategia dell'Unione europea per la protezione e il benessere degli animali 2012-2015: quali nuovi sviluppi per i levrieri Greyhound e Galgos vittime di torture atroci
 Risposta scritta 

Sulla base della risposta all'interrogazione E-010202/2012 (17.12.2012) fornita dal Commissario e in riferimento alle interrogazioni ritenute simili (E-010625/2010 e E-009212/2011), si ritiene che essa non sia sufficiente, specialmente alla luce dei nuovi sviluppi che ci sono stati in materia, nonché dell'approvazione da parte del Parlamento europeo in data 4 luglio 2012 della strategia dell'Unione europea per la protezione e il benessere degli animali 2012-2015 (2012/2043(INI)), in particolare laddove si sottolinea l'importanza di attuare l'intero corpus legislativo da parte di tutti gli Stati membri dell'UE.

Stanti la mancanza di una relazione stretta tra la tutela della salute degli animali e la sanità pubblica di ogni singolo Stato membro; la mancata attuazione di linee guida e strategie da parte degli Stati membri; la scarsa trasparenza e la mancata informazione che suscitano un interesse europeo per due ordini di motivi: l'incremento del commercio illecito degli animali specialmente verso i paesi terzi e la destinazione dei medesimi alla ricerca scientifica; la mancanza di standard che regolano il benessere degli animali nei rapporti con i paesi terzi; la necessità di una maggiore ambizione e di standard con priorità elevata che regolino il benessere degli animali in particolare nei negoziati anche di natura extracommerciale come pure la necessità di risorse per incrementare il numero delle ispezioni e formare adeguatamente gli ispettori veterinari per il benessere degli animali, può la Commissione riferire:
1. quali controlli ha predisposto circa la mancata attuazione delle linee guida da parte degli Stati membri;
2. quali controlli compie sul commercio illecito fra Stati membri e paesi terzi;
3. quali verifiche effettua circa la destinazione dei cani per studi scientifici e di ricerca;
4. come l'EFSA intende migliorare i controlli e incrementare le ispezioni a livello veterinario?
 GU C 40 E del 11/02/2014
Note legali - Informativa sulla privacy