Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
PDF 42kWORD 25k
26 settembre 2013
E-011011-13
Interrogazione con richiesta di risposta scritta E-011011-13
alla Commissione
Articolo 117 del regolamento
Paolo De Castro (S&D) , Giancarlo Scottà (EFD) , Herbert Dorfmann (PPE) , Giovanni La Via (PPE) , Sergio Paolo Francesco Silvestris (PPE) , Iratxe García Pérez (S&D) , Michel Dantin (PPE)

 Oggetto:  Etichettatura dei prodotti alimentari: il sistema semaforo usato nel Regno Unito
 Risposta scritta 

Conformemente alla raccomandazione del 19 giugno 2013 del ministero della sanità del governo britannico, i principali rivenditori del Regno Unito etichettano i prodotti utilizzando un sistema a più colori (rosso, arancione e verde) per illustrare il contenuto di grassi, grassi saturi, sale e zuccheri presenti nel prodotto alimentare. Questa raccomandazione è stata adottata volontariamente, in linea con il regolamento (UE) n. 1169/2011 (articolo 35, paragrafo 2). Lo stesso regolamento (articolo 35, paragrafo 1) prevede che siano soddisfatti determinati requisiti e che la Commissione adotti atti di esecuzione. Un sistema che classifica i generi alimentari esclusivamente in base al contenuto di grassi, rischia di penalizzare numerosi prodotti europei (Parmigiano Reggiano, mozzarella, prosciutto e altri formaggi, ecc.) che in tal caso sarebbero considerati «non sani», nonostante gli elevati standard di qualità. La diffusione di queste etichette fra i principali rivenditori rischia inoltre di penalizzare innanzitutto le PMI, con costi di produzione ulteriori.

1. Ha la Commissione verificato la conformità della raccomandazione del governo britannico all’articolo 35, paragrafo 1, del regolamento (UE) n. 1169/2011 (forme e simboli grafici che «sono obiettivi e non discriminatori e la loro applicazione non crea ostacoli alla libera circolazione delle merci»)?

2. Intende la Commissione assicurare la corretta applicazione dell'articolo 35, paragrafo 6, del regolamento (UE) n. 1169/2011 (atti di esecuzione), in seguito alla raccomandazione del governo britannico, nonché definire meglio i requisiti di cui all'articolo 35, paragrafo 1?

3. Non ritiene necessario che il governo britannico notifichi la raccomandazione alla Commissione, ai sensi della direttiva 98/34/EC?

Lingua originale dell'interrogazione: ENGU C 208 del 03/07/2014
Note legali - Informativa sulla privacy