Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
PDF 39kWORD 15k
27 novembre 2013
E-013486-13
Interrogazione con richiesta di risposta scritta E-013486-13
alla Commissione
Articolo 117 del regolamento
Pino Arlacchi (S&D)

 Oggetto:  Campo di Harmanli in Bulgaria
 Risposta scritta 

Stando a un rapporto pubblicato da Amnesty International il 19 novembre 2013, la situazione dei diritti umani nel campo di Harmanli, nel sud-est della Bulgaria, dove circa 1 000 richiedenti asilo sono detenuti in un'ex base militare, sono deplorevoli e peggiorano ogni giorno. I richiedenti asilo alloggiano in containers di metallo, tende e in un edificio fatiscente, mentre l'inverno si avvicina a grandi passi.

Benché il campo di Harmanli sia già affollato, le autorità bulgare continuano a inviarvi nuovi richiedenti asilo. La settimana scorsa i ricercatori di Amnesty International hanno assistito all'arrivo di un gruppo di uomini siriani. I nuovi arrivati hanno ricevuto solo un fragile materasso e due sottili coperte umide.

I residenti del campo non sono autorizzati a uscire per comprare il cibo essenziale. Devono invece fare affidamento su una fornitura di alimenti di base come patate, riso e pane. Molti di loro vivono in queste condizioni già da un mese. Ai sensi del diritto internazionale, i residenti hanno il diritto di accesso immediato alle procedure di asilo adeguate. Le autorità bulgare sono inoltre obbligate per legge a garantire che i richiedenti asilo abbiano accesso a beni di prima necessità come cibo adeguato, riparo e servizi igienico-sanitari.

Alla luce di quanto sopra:
1. quali azioni intende la Commissione adottare?
2. Può la Commissione valutare se sia opportuno intraprendere eventuali azioni volte a far sì che la Bulgaria rispetti gli obblighi assunti nell'ambito della Carta dei diritti fondamentali dell'UE?
Lingua originale dell'interrogazione: ENGU C 239 del 23/07/2014
Note legali - Informativa sulla privacy