Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
PDF 6kWORD 25k
29 gennaio 2014
E-000869-14
Interrogazione con richiesta di risposta scritta E-000869-14
alla Commissione
Articolo 117 del regolamento
Pino Arlacchi (S&D) , Andrea Cozzolino (S&D)

 Oggetto:  Recepimento della direttiva 2000/78/CE
 Risposta scritta 

La Commissione europea aveva ritenuto la Repubblica italiana inadempiente rispetto all'obbligo di recepire correttamente e completamente l'articolo 5 della direttiva 2000/78/CE del Consiglio, del 27 novembre 2000, che stabilisce un quadro generale per la parità di trattamento in materia di occupazione e di condizioni di lavoro, non avendo imposto a tutti i datori di lavoro l'obbligo di prevedere soluzioni ragionevoli applicabili a tutti i disabili.

Con una sentenza dell'11 aprile 2013 la Corte di giustizia ha condannato l'Italia per il mancato recepimento della medesima direttiva.

Con la legge sul lavoro n. 99 del 9 agosto 2013, il governo italiano ha cercato di rispondere alla sentenza della Corte di giustizia intervenendo sulla normativa per i disabili con due specifiche norme:
a) incrementando il fondo finalizzato a incentivare l'occupazione dei disabili, previsto dall'articolo 13 della legge n. 68/1999, con 10 milioni di EUR per l'anno 2013 e con 20 milioni di EUR per l'anno 2014;
b) imponendo a tutti i datori di lavoro pubblici e privati di garantire il rispetto del principio della parità di trattamento tra i lavoratori, per cui dovranno essere adottati «accomodamenti ragionevoli», come definiti dalla Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti delle persone disabili, ratificata ai sensi della legge n. 8/2009.
Tutto ciò premesso, sulla base della legge n. 99 del 9 agosto 2013, si chiede alla Commissione:
1. Ritiene che possa considerarsi conclusa l'infrazione per il mancato recepimento della direttiva 2000/78/CE da parte dell'Italia?
2. Possiede informazioni ulteriori rispetto allo stato di applicazione della medesima direttiva da parte dello Stato italiano?
 GU C 296 del 03/09/2014
Note legali - Informativa sulla privacy