Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
PDF 104kWORD 26k
30 gennaio 2014
E-000977-14
Interrogazione con richiesta di risposta scritta E-000977-14
alla Commissione
Articolo 117 del regolamento
Oreste Rossi (PPE)

 Oggetto:  Condizione dei lavoratori immigrati nei paesi del Consiglio di cooperazione del Golfo
 Risposta scritta 

I lavoratori immigrati costituiscono una delle risorse alla base della ricchezza dei paesi del Consiglio di cooperazione del Golfo (Arabia Saudita, Bahrein, Emirati arabi uniti, Kuwait, Oman e Qatar). Provengono quasi tutti dall'Asia, in particolare da India, Nepal, Sri Lanka, Bangladesh, Indonesia e Filippine. I paesi del Consiglio di cooperazione del Golfo sono nazioni desertiche che possiedono giacimenti petroliferi di grandi entità dove sono state costruite città e infrastrutture grazie al lavoro della manodopera sottopagata, priva di diritti e legata indissolubilmente al proprio datore di lavoro da un contratto denominato «Kafala». Un ufficio di collocamento nel paese d'origine individua un datore di lavoro che è disposto a sponsorizzare il lavoratore immigrato. Nel momento in cui quest'ultimo arriva nel paese di destinazione, si vede sequestrato il passaporto, ha il divieto di cambiare lavoro senza il consenso del datore di lavoro, viene sottoposto a orari impossibili, senza alcun riposo settimanale, è costretto ad accettare uno stipendio misero, spesso trattenuto dal «padrone» a tempo indeterminato. Teoricamente, si tratterebbe invece di un lavoro come «collaboratore domestico», in cambio del quale si dovrebbero ricevere vitto e alloggio e uno stipendio sufficiente per mantenere la famiglia nel paese d'origine. Inoltre gli immigrati sono frequentemente vittime di violenze e abusi: dalle percosse alle bruciature di sigaretta, fino ad arrivare all'olio bollente versato sul corpo e alle amputazioni, mentre le domestiche immigrate che osano ribellarsi vanno incontro ad un destino che può andare dallo stupro, al carcere e persino alla decapitazione, in quanto violano le clausole del contratto.

Considerato che:
le vittime di violenze spesso impazziscono e arrivano a togliersi la vita, al punto che sono innumerevoli i casi di suicidi;
le ultime stime parlano complessivamente di quasi 18 milioni di lavoratori che sono immigrati nei paesi del Consiglio di cooperazione del Golfo, su una popolazione totale di circa 42 milioni;
nella Carta dei diritti fondamentali dell'Unione europea si sancisce con forza che «ogni individuo ha diritto alla propria integrità fisica e psichica»;
può la Commissione rispondere ai seguenti quesiti:
1. è a conoscenza delle condizioni a cui sono sottoposti gli immigrati in questi paesi?
2. Considera opportuno esercitare pressioni sui governi dei paesi del Consiglio di cooperazione del Golfo affinché rispettino i diritti e la dignità dei lavoratori migranti?
3. Ritiene che la Kafala dovrebbe essere riformata per consentire ai lavoratori di cambiare lavoro o tornare nel proprio paese anche senza permesso del datore di lavoro?
 GU C 353 del 07/10/2014
Note legali - Informativa sulla privacy