Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
PDF 19kWORD 23k
30 settembre 2014
E-007393-14
Interrogazione con richiesta di risposta scritta E-007393-14
alla Commissione
Articolo 130 del regolamento
Enrico Gasbarra (S&D)

 Oggetto:  Prodotti editoriali per l'infanzia
 Risposta scritta 

La prassi di auto-definizione fraudolenta di «prodotti per l'infanzia» nelle pubblicazioni editoriali è riportata come in crescente aumento in diversi Stati membri.

Questa pratica – in virtù di alcune normative nazionali volte a garantire un regime fiscale e commerciale speciale per l'editoria – si configura come un chiaro tentativo di eludere l'applicazione delle aliquote IVA appropriate, usufruendo di un'aliquota agevolata e obbligando le agenzie di distribuzione a un pagamento forzato delle rese giacenti.

Visto che spesso queste stesse pubblicazioni, arbitrariamente definite per l'infanzia, risultano invece del tutto inadatte a un pubblico infantile, può la Commissione europea verificare:
1. la liceità di tali pratiche con gli impegni assunti dagli Stati membri a seguito dell'adozione da parte del Consiglio, nel dicembre 2007, degli «Orientamenti in materia di promozione e tutela dei diritti del bambino», che riflettono e traducono i principi solennemente sanciti nella «Convenzione sui diritti dell'infanzia» del 1989;
2. la compatibilità di queste prassi commerciali scorrette con la direttiva 2011/83/UE sui diritti dei consumatori, in particolare in merito alle relazioni business-to-business nel settore dell'editoria?
Note legali - Informativa sulla privacy