Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
PDF 6kWORD 24k
25 novembre 2014
E-009679-14
Interrogazione con richiesta di risposta scritta E-009679-14
alla Commissione
Articolo 130 del regolamento
Renata Briano (S&D) , Elena Gentile (S&D) , Elly Schlein (S&D) , Daniele Viotti (S&D)

 Oggetto:  Proroga delle concessioni autostradali in Italia
 Risposta scritta 

Il D.L. 133/2014 («Sblocca Italia») ha avviato un processo di revisione delle concessioni di tratte autostradali in Italia, che dovrebbe portare, senza oneri diretti per il bilancio pubblico, a nuovi investimenti e tariffe più favorevoli per gli utenti.

Il decreto consente implicitamente una proroga dei termini originari delle concessioni, che è stato giustificato dal ministro competente come unica alternativa all'incremento delle tariffe per i cittadini, a fronte delle necessità di garantire nuovi investimenti.

Secondo un calcolo pubblicato sul sito d'informazione «lavoce.info», il valore delle proroghe per i titolari di concessioni ammonterebbe a 16 miliardi.

In mancanza di adeguati criteri di trasparenza e una leale concorrenza, il processo di revisione sostanziale delle concessioni autostradali a privati previsto dallo Sblocca Italia sembra destinato a favorire le grandi compagnie concessionarie in violazione del diritto europeo, invece di assicurare a cittadini e imprese un servizio efficiente, tariffe e condizioni d'accesso migliori e adeguati investimenti.

Per tali ragioni la Commissione ha chiesto chiarimenti al governo italiano.

Non ritiene altresì la Commissione che questa decisione possa risultare incoerente con la sollecitazione della Commissione stessa rivolta all'Italia a realizzare riforme strutturali volte a rendere più competitivo e trasparente il sistema economico italiano?

Note legali - Informativa sulla privacy