Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
PDF 6kWORD 24k
27 novembre 2014
E-009844-14
Interrogazione con richiesta di risposta scritta E-009844-14
alla Commissione
Articolo 130 del regolamento
Enrico Gasbarra (S&D)

 Oggetto:  Sicurezza sul lavoro
 Risposta scritta 

Venticinque anni fa, con la direttiva 89/391/CEE, l'Europa riconosceva come fondamentali il diritto dei lavoratori al benessere e la responsabilità sociale delle aziende. Anche grazie a quest'impegno, nell'ultimo decennio in Europa si è determinato un significativo calo di morti sul lavoro (circa il 30 %). Questo risultato non è tuttavia sufficiente. Il lavoro, infatti, purtroppo uccide ancora: 3 milioni di vittime di incidenti e 4 000 morti l'anno sono numeri insopportabili per le nostre coscienze.

La Commissione si è posta l'obiettivo di agire con maggiore incisività per promuovere la sicurezza sul lavoro. Nel quadro strategico 2014-2020 per la sicurezza e la salute sul lavoro essa identifica alcuni obiettivi prioritari, tra cui un più efficace controllo dell'operato degli ispettorati nazionali del lavoro e un maggiore coordinamento delle statistiche tra i diversi Stati membri.

Con quali azioni concrete intende la Commissione aumentare la sicurezza sul lavoro nell'UE, a partire proprio dal ravvicinamento delle norme in materia di controllo e di monitoraggio?

Note legali - Informativa sulla privacy