Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
PDF 5kWORD 23k
9 dicembre 2014
E-010394-14
Interrogazione con richiesta di risposta scritta E-010394-14
alla Commissione
Articolo 130 del regolamento
Enrico Gasbarra (S&D)

 Oggetto:  Politiche europee per la terza età
 Risposta scritta 

Già oggi oltre il 30 percento della popolazione europea è composta da ultra-cinquantenni, con una prospettiva di incremento costante visto l'aumento delle aspettative di vita.

La necessità di affrontare le sfide demografiche e sociali dettate dall'invecchiamento della popolazione diventa prioritario, in particolare nella fase di revisione delle principali politiche comunitarie, dopo l'avvio dei lavori del nuovo Collegio dei Commissari.

Come intende la Commissione garantire un adeguato coordinamento tra le varie DG interessate alle politiche per gli anziani (Affari Sociali, Giustizia, Cultura) e assicurare azioni concrete in grado di promuovere alti livelli di sostegno culturale, sociale, previdenziale in tutta Europa?

Ha in programma la Commissione di dedicare un «Libro verde» specifico a proposte volte ad affrontare in modo globale le sfide del cambiamento demografico?

Ritiene di voler fissare standard comuni per favorire l'invecchiamento attivo, basati su parametri quali il numero di centri ricreativi aperti, la diffusione di progetti per l'apprendimento permanente e l'introduzione di incentivi alla digitalizzazione delle aree demograficamente più anziane?

Note legali - Informativa sulla privacy