Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
PDF 99kWORD 25k
17 febbraio 2015
E-011139/2014(ASW)
Risposta di Violeta Bulc a nome della Commissione
Riferimento dell'interrogazione: E-011139/2014

Ai sensi dell’articolo 7, paragrafo 2, lettera c), del regolamento (UE) n. 1315/2013(1), i progetti di interesse comune hanno una sostenibilità economica sulla base di un’analisi costi-benefici sotto il profilo socioeconomico. Per la galleria di base del Brennero, è stata effettuata una prima analisi costi/benefici nel 2004. Questo studio è stato integrato da un aggiornamento nel 2007 come parte della documentazione preparata per la presentazione del progetto definitivo da approvare a norma dei precedenti orientamenti TEN-T. L’approvazione ha avuto luogo nel 2009 ponendo fine alla fase di convalida del progetto ed è iniziato il lavoro effettivo per la galleria di base del Brennero. Pertanto, non vi è alcun motivo di procedere a una nuova analisi costi/benefici.

La Corte dei conti austriaca ha calcolato un costo di costruzione di circa 9,8 miliardi di EUR per l’intero progetto della galleria di base del Brennero, ripartiti in parti uguali tra l’Italia e l’Austria. Di conseguenza, non vi è alcuna contraddizione con la dichiarazione degli organismi pertinenti del ministero italiano che hanno calcolato un costo per l’Italia di 4,865 miliardi di EUR, con riferimento anche al costo di costruzione.

Secondo il diritto italiano, le domande di finanziamento per le infrastrutture devono includere un piano economico-finanziario soltanto se si prevede che il funzionamento di tali infrastrutture fornisca un ritorno finanziario. Poiché non è previsto che la costruzione e il funzionamento della galleria di base del Brennero forniscano un potenziale ritorno sull’investimento, la domanda di finanziamento non richiede un piano economico-finanziario dettagliato.

(1)Regolamento (UE) n. 1315/2013 del Parlamento europeo e del Consiglio, dell’11 dicembre 2013, sugli orientamenti dell’Unione per lo sviluppo della rete transeuropea dei trasporti e che abroga la decisione n. 661/2010/UE, Testo rilevante ai fine del SEE (GU L 348 del 20.12.2013, pagg. 1-128).

Note legali - Informativa sulla privacy