Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
PDF 5kWORD 23k
28 gennaio 2015
E-001194-15
Interrogazione con richiesta di risposta scritta E-001194-15
alla Commissione
Articolo 130 del regolamento
Enrico Gasbarra (S&D)

 Oggetto:  Direttiva roaming e sviluppo agenda digitale
 Risposta scritta 

Il voto del Parlamento europeo ad aprile 2014 sull'abolizione delle tariffe di roaming telefonico è stato salutato da utenti, consumatori e vari rappresentanti del settore produttivo come uno dei successi principali della legislatura appena trascorsa.

La definitiva adozione della direttiva, come anche emerso dopo le ultime riunioni del gruppo TLC all'interno del Consiglio, è soggetta ancora a uno stallo causato da alcune importanti divisioni tra gli Stati membri.

Può la Commissione chiarire che, di fronte all'eventuale prolungamento di tale stallo, gli ostacoli frapposti dal Consiglio non vadano a frenare e pregiudicare l'introduzione di altre importanti misure attese nel quadro del mercato unico digitale, in particolare in materia di libero accesso all'informazione, neutralità della rete e accessibilità al web?

Note legali - Informativa sulla privacy