Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
PDF 5kWORD 23k
5 febbraio 2015
E-001960-15
Interrogazione con richiesta di risposta scritta E-001960-15
alla Commissione
Articolo 130 del regolamento
Enrico Gasbarra (S&D)

 Oggetto:  Figli di coppie divorziate
 Risposta scritta 

Con l'approvazione del regolamento (UE) n. 1259/2010, del 20 dicembre 2010, l'Unione europea si è dotata — attraverso la procedura della cooperazione rafforzata — di regole comuni tra 14 Paesi membri in materia di divorzio.

Come mostrato da alcuni indicatori statistici, il numero dei divorzi tra coppie di diverse nazionalità europee è un fenomeno in aumento negli ultimi 20 anni, con conseguenze estremamente negative sui minori figli delle coppie bi-nazionali.

Sebbene il campo di azione del regolamento copra solamente i Paesi aderenti alla cooperazione rafforzata, ritiene la Commissione — anche per dare applicazione alla Convenzione sui Diritti del Fanciullo e al principio di primazia dell'interesse del minore — di voler adottare linee guida per permettere un adeguato livello di misure che garantiscano i diritti dei bambini alla bigenitorialità, nonché di introdurre strumenti normativi che evitino abusi e squilibri che danneggiano i minori?

Note legali - Informativa sulla privacy