Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

Interrogazioni parlamentari
PDF 6kWORD 25k
30 ottobre 2015
E-003382/2015(ASW)
Risposta dell'Alta Rappresentante/Vicepresidente Federica Mogherini
Riferimento dell'interrogazione: E-003382/2015

L'Alta Rappresentante/Vicepresidente è a conoscenza del caso di Raif Badawi. Il SEAE segue da vicino, sia a Bruxelles che localmente tramite la delegazione dell'UE a Riyadh, questo caso e quelli di altri attivisti di spicco, tra cui Abu Al-Khair.

IL SEAE, in stretto coordinamento con gli Stati membri dell'UE, ha condotto varie iniziative di sensibilizzazione, a carattere ufficiale o non, presso le autorità saudite in merito al caso di Raif Badawi. Dal canto suo, il portavoce dell'Alta Rappresentante ha rilasciato una dichiarazione nella quale viene ribadita la convinzione dell'UE che le punizioni corporali siano inaccettabili e contrarie alla dignità umana, invitando le autorità saudite a sospendere la condanna pronunciata nei confronti di Raif Badawi.

L'Arabia Saudita è un partner importante per l'UE e un attore politico, economico, culturale e religioso influente nel Medio Oriente e nel mondo islamico. L'UE continuerà a impegnarsi per convincere le autorità saudite a rafforzare il dialogo con l'Unione su questioni riguardanti i diritti umani. E continuerà anche a esprimere le proprie preoccupazioni ogniqualvolta necessario, in particolare per quanto concerne il rispetto della libertà di espressione e della libertà di religione o di credo e l'aumento del numero delle condanne a morte.

Come rilevato a più riprese dal Parlamento europeo, l'UE e l'Arabia Saudita devono rafforzare il dialogo, non ridurlo. L'UE non esiterà a difendere i diritti umani e le libertà fondamentali, ma la responsabilità dell'Arabia Saudita per la promozione del cambiamento è un aspetto altrettanto importante. Il processo di riforma giudiziaria in corso è l'opportunità, per il Regno dell'Arabia Saudita, di avanzare ancora su questa strada e, per l'UE, di impegnarsi in maniera costruttiva presso la nuova leadership saudita a favore di un maggiore rispetto dei diritti individuali. L'UE e i suoi Stati membri continueranno inoltre a partecipare attivamente al follow-up della revisione periodica universale dell'ONU concernente l'Arabia Saudita condotta nel 2015.

Note legali - Informativa sulla privacy