Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
PDF 97kWORD 23k
25 marzo 2015
E-004668-15
Interrogazione con richiesta di risposta scritta E-004668-15
alla Commissione
Articolo 130 del regolamento
Enrico Gasbarra (S&D)

 Oggetto:  Remunerazione degli artisti
 Risposta scritta 

Le industrie culturali e creative apportano all'economia europea un rilevante contributo — oltre 7 milioni di posti di lavoro di indotto, secondo le ultime stime, per un valore pari al 4 % del PIL dell'intera UE.

I creatori e gli artisti sono soggetti al rischio di un calo di remunerazione per gli utilizzi di massa delle loro opere, in particolare per i servizi on demand forniti da alcuni grandi operatori della rete, «over the top».

In considerazione di quanto precede, può dire la Commissione come intende agire, nel quadro della prossima riforma del diritto d'autore in Europa e dell'attuazione della «digital agenda», per assicurare un panorama certo e legale di accesso ai contenuti della rete senza creare pregiudizio economico al giusto diritto alla remunerazione per artisti e industrie creative?

Note legali - Informativa sulla privacy