Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
PDF 5kWORD 23k
30 maggio 2015
E-008732-15
Interrogazione con richiesta di risposta scritta E-008732-15
alla Commissione
Articolo 130 del regolamento
Enrico Gasbarra (S&D)

 Oggetto:  Test per l'AIDS da fare in casa
 Risposta scritta 

I dati presentati dal Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie e dall'Organizzazione mondiale della sanità indicano che l'AIDS continua a destare preoccupazioni per i paesi occidentali.

La preoccupazione principale riguarda le stime secondo cui due persone su dieci sono malate di AIDS senza saperlo e che, secondo il National Aids Trust (un'organizzazione benefica del Regno Unito), quasi il 40 % scopre l'infezione in ritardo, tre o quattro anni dopo averla contratta.

Intende la Commissione promuovere e incoraggiare la vendita di test per l'AIDS da fare in casa e in grado di fornire risultati molto affidabili, come i test attualmente disponibili nel Regno Unito?

Lingua originale dell'interrogazione: EN 
Note legali - Informativa sulla privacy