• EN - English
  • IT - italiano
Interrogazione parlamentare - E-011933/2015Interrogazione parlamentare
E-011933/2015

VP/HR — Presenza di guerriglieri ISIS nelle zone contese tra Ucraina e Russia

Interrogazione con richiesta di risposta scritta E-011933-15
alla Commissione (Vicepresidente/Alto Rappresentante)
Articolo 130 del regolamento
Matteo Salvini (ENF)

In data 7 luglio il New York Times ha riportato la notizia della presenza, nei territori contesi tra i separatisti russi e l'Ucraina, di truppe composte da volontari ceceni fedeli all'ISIS.

Questi gruppi combattenti si sarebbero schierati apertamente al fianco dell'Ucraina nel tentativo di indebolire la Russia e costringerla a concentrare le proprie forze sul fronte ucraino, a discapito dell'impegno in altre aree dove le autorità russe sono impegnate nella lotta contro vari gruppi dediti al terrorismo di matrice islamica.

Non risulta al momento che le autorità ucraine abbiano smentito la notizia, né che si siano dissociate da questi gruppi aderenti all'ISIS o abbiano preso alcuna contromisura in merito alla presenza di estremisti islamici armati in un territorio che l'Ucraina rivendica come proprio.

Considerata la gravità del pericolo costituito dall'ISIS e dal terrorismo islamico in generale, confermata di recente dai tragici attentati compiuti in Francia e in Tunisia, chiediamo al Vicepresidente/Alto Rappresentante se non ritenga opportuno rivedere la propria posizione in merito al conflitto russo-ucraino, impegnandosi maggiormente nel dialogo con la Russia al fine di contrastare la minaccia costituita da questi elementi fondamentalisti.