Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
PDF 5kWORD 23k
30 ottobre 2015
E-014338-15
Interrogazione con richiesta di risposta scritta E-014338-15
alla Commissione
Articolo 130 del regolamento
Giulia Moi (EFDD)

 Oggetto:  Imbottigliamento del mirto di Sardegna
 Risposta scritta 

La Commissione deve ancora procedere al riconoscimento del marchio agroalimentare «Mirto di Sardegna», nonostante il relativo decreto del ministero delle Politiche agricole e forestali sia stato emanato nel luglio 2013.

Nel decreto è stato stabilito che l'imbottigliamento del mirto deve avvenire esclusivamente nel territorio della Regione autonoma della Sardegna, al fine di garantire la qualità del prodotto e la puntuale informazione dei consumatori sulla provenienza del distillato.

Sembra che la Commissione sia contraria a questa clausola poiché violerebbe i principi di libera concorrenza. Tuttavia è noto come il trasporto del liquore su lunghe distanze possa pregiudicarne la stabilità e comprometterne la qualità e le caratteristiche che lo rendono un prodotto unico.

Non ritiene forse la Commissione che il degrado di un simile prodotto a causa del trasporto possa concretizzarsi in rischi connessi all'imbottigliamento e nuocere alla reputazione dell'intero comparto?

Note legali - Informativa sulla privacy