Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
PDF 6kWORD 24k
7 gennaio 2016
E-000091-16
Interrogazione con richiesta di risposta scritta E-000091-16
alla Commissione
Articolo 130 del regolamento
Isabella Adinolfi (EFDD) , Dario Tamburrano (EFDD) , Fabio Massimo Castaldo (EFDD)

 Oggetto:  Riforma della governance e del canone della RAI-Radiotelevisione Italiana S.p.A.
 Risposta scritta 

Il 22 dicembre 2015 il Senato italiano ha approvato definitivamente il disegno di legge S. n. 1880-B «Riforma della RAI e del servizio pubblico radiotelevisivo», con il quale si è provveduto alla modifica del sistema di governance della società pubblica RAI S.p.A.

Tale atto normativo modifica sostanzialmente le modalità di nomina del consiglio di amministrazione della società pubblica, introducendo la figura di un super amministratore delegato, di diretta nomina governativa, al quale vengono concessi amplissimi poteri in materia di: gestione aziendale, attuazione della programmazione e linea editoriale, gestione e nomina del personale e dirigenti, firma di atti e contratti aziendali fino a 10 milioni di EUR.

Inoltre, la legge di stabilità 2016 ha stabilito che il pagamento del canone per la detenzione di un apparecchio atto o adattabile alla ricezione delle radioaudizioni avverrà nella fattura per la fornitura dell'energia elettrica.

Alla luce di quanto su esposto, può la Commissione far sapere se:
1. non ritiene di dover formulare specifiche raccomandazioni in merito all'assetto della governance della RAI a tutela e garanzia del pluralismo informativo, quale sancito dall'articolo 11 della Carta dei diritti fondamentali dell'UE;
2. la misura del canone in bolletta non generi una discriminazione, violando l'articolo 21 della medesima Carta.
Note legali - Informativa sulla privacy