Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
PDF 6kWORD 23k
3 febbraio 2016
E-001042-16
Interrogazione con richiesta di risposta scritta E-001042-16
alla Commissione
Articolo 130 del regolamento
Enrico Gasbarra (S&D)

 Oggetto:  Biodiversità e sicurezza
 Risposta scritta 

L'introduzione (deliberata o accidentale) di patogeni nelle coltivazioni causerebbe in tutto il mondo da 55 a 248 miliardi di dollari di perdite l'anno all'agricoltura. La biosicurezza agricola e alimentare è un tema di straordinaria attualità che riguarda la vita, lo sviluppo e la salute di tutti noi.

L'Unione ha promosso una serie di studi in materia già dal 2005 e proprio in questi giorni sono stati discussi i risultati del progetto Plantfoodsec, finanziato dall'UE nell'ambito del VII programma quadro. Su un tema tanto importante l'Europa può fare di più, perché investire sulla biosicurezza agricola significa promuovere la crescita economica (limitando le perdite della produzione agricola a causa di malattie che la colpiscono), come pure tutelare la biodiversità dell'ecosistema e la salute dei cittadini.

Ritiene la Commissione di dover accrescere gli investimenti finora stanziati come impegno prevedendo un fondo dedicato all'interno della revisione intermedia del piano per la biodiversità?

Intende essa promuovere, attraverso campagne di informazione e sensibilizzazione dirette agli agricoltori, ai produttori e ai principali operatori del settore, l'attuale formazione e la consapevolezza sulla biosicurezza agroalimentare?

Note legali - Informativa sulla privacy