Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
PDF 100kWORD 25k
23 febbraio 2016
E-001519-16
Interrogazione con richiesta di risposta scritta E-001519-16
alla Commissione
Articolo 130 del regolamento
Michela Giuffrida (S&D) , Elisabetta Gardini (PPE) , Patrizia Toia (S&D) , Brando Benifei (S&D) , Goffredo Maria Bettini (S&D) , Mercedes Bresso (S&D) , Renata Briano (S&D) , Salvatore Cicu (PPE) , Alberto Cirio (PPE) , Lara Comi (PPE) , Silvia Costa (S&D) , Andrea Cozzolino (S&D) , Nicola Danti (S&D) , Paolo De Castro (S&D) , Lorenzo Fontana (ENF) , Enrico Gasbarra (S&D) , Roberto Gualtieri (S&D) , Kashetu Kyenge (S&D) , Giovanni La Via (PPE) , Fulvio Martusciello (PPE) , Stefano Maullu (PPE) , Luigi Morgano (S&D) , Alessia Maria Mosca (S&D) , Alessandra Mussolini (PPE) , Massimo Paolucci (S&D) , Aldo Patriciello (PPE) , Pina Picierno (S&D) , Salvatore Domenico Pogliese (PPE) , Massimiliano Salini (PPE) , Elly Schlein (S&D) , Remo Sernagiotto (ECR) , Renato Soru (S&D) , Barbara Spinelli (GUE/NGL) , Antonio Tajani (PPE) , Flavio Zanonato (S&D) , Damiano Zoffoli (S&D)

 Oggetto:  Tutela dei diritti umani: caso degli assistenti familiari italiani
 Risposta scritta 

Quasi tutti i paesi europei prevedono una legislazione assistenziale e di sostegno a chi si prende cura di disabili.

Svezia e Regno Unito attuano interventi ad hoc sia per gli utenti con disabilità sia per i familiari coinvolti nella cura, riconosciuti come utenti destinatari di prestazioni al pari della persona cui prestano assistenza. In Francia e Germania il sistema di protezione sociale per questo tipo di assistenza è indiretto.

In Italia la legge 104/1992 prevede permessi retribuiti per chi assiste disabili o/e malati gravi, ma nessun regime specifico per gli assistenti familiari a tempo pieno.

Vista la situazione degli assistenti familiari italiani che rinunciano ad una vita propria per accudire, in ambito domestico, familiari colpiti da severe disabilità o malattie e considerato che gli assistenti familiari svolgono un ruolo sociale che spesso ottempera alle carenze dei sistemi sanitari di assistenza, può la Commissione precisare:
come intende fornire sostegno all'Italia affinché riconosca un sistema di tutele e servizi per gli assistenti familiari;
quali politiche intende intraprendere a favore del riconoscimento del ruolo degli assistenti familiari e di standard europei di tutele per questi soggetti;
quali azioni intende adottare per incentivare gli Stati membri a prevedere misure specifiche relative al diritto alla salute, al riposo e alla vita di relazione degli assistenti familiari?
Note legali - Informativa sulla privacy