Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
PDF 6kWORD 20k
1o agosto 2016
E-003758/2016(ASW)
Risposta di Marianne Thyssen a nome della Commissione
Riferimento dell'interrogazione: E-003758/2016

Il diritto dell'UE nel settore della sicurezza sociale prevede il coordinamento dei sistemi nazionali di sicurezza sociale degli Stati membri. Essi sono pertanto liberi di decidere chi assicurare nell'ambito della loro legislazione, quali benefici concedere e a quali condizioni.

A norma del regolamento (CE) n. 883/2004(1), la tessera europea di assicurazione malattia (TEAM) certifica il diritto di una persona assicurata nell'ambito del sistema sanitario pubblico di uno Stato membro a ricevere le cure mediche eventualmente necessarie durante un soggiorno temporaneo in un altro Stato membro. Ciò avviene secondo gli stessi termini e condizioni cui sono soggette le persone assicurate nell'ambito del sistema sanitario pubblico dello Stato ospitante, ma i costi sono a carico dello Stato membro di assicurazione.

In caso di attacco terroristico al di fuori del paese d'origine, la TEAM consentirebbe all'assicurato di accedere alle cure mediche. La copertura dei relativi costi, come le spese di alloggio e di viaggio, dipende dai sistemi nazionali di sicurezza sociale dello Stato ospitante e dal suo catalogo delle prestazioni rimborsabili.

Inoltre la direttiva 2011/24/UE(2) sui diritti dei pazienti relativi all'assistenza sanitaria transfrontaliera non pone limiti riguardo ai prestatori che erogano l'assistenza sanitaria. Dal punto di vista della sicurezza sociale, non risulta pertanto necessaria la creazione di uno speciale fondo di rimborso dell'UE.

(1)http://eur-lex.europa.eu/legal-content/IT/TXT/PDF/?uri=CELEX:32004R0883&from=IT
(2)http://eur-lex.europa.eu/legal-content/IT/TXT/?uri=CELEX:32011L0024

Note legali - Informativa sulla privacy