Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
PDF 97kWORD 16k
4 maggio 2016
E-003758-16
Interrogazione con richiesta di risposta scritta E-003758-16
alla Commissione
Articolo 130 del regolamento
Enrico Gasbarra (S&D)

 Oggetto:  Assistenza sanitaria transfrontaliera per le vittime del terrorismo e i familiari
 Risposta scritta 

— Considerando i principi e le disposizioni contenute nella direttiva 2011/24 sui diritti dei pazienti relativi all'assistenza sanitaria transfrontaliera;

— considerando la previsione che gli «Stati membri dovrebbero garantire meccanismi di tutela dei pazienti e di risarcimento dei danni per l'assistenza sanitaria prestata sul loro territorio» , definendo nella direttiva tra la categoria di «persona assicurata» anche i familiari e specificando che lo «Stato membro di affiliazione può decidere di rimborsare altri costi afferenti, come le spese di alloggio e di viaggio, o i costi supplementari eventualmente sostenuti in un altro Stato membro»;

— considerando inoltre che la Strategia europea della lotta al terrorismo è tra le linee prioritarie d'azione per l'UE e che le recenti emergenze legate agli attacchi estremistici in Europa hanno purtroppo evidenziato diversi casi di persone colpite e sottoposte a cure impegnative, lunghe e urgenti, non necessariamente presso lo Stato membro di provenienza;

intende la Commissione, come complemento delle misure UE di prevenzione e lotta al terrorismo, identificare nuove modalità di sostegno a favore delle persone colpite da attacchi terroristici e dei loro familiari, promuovendo — con l'accordo degli Stati membri — l'istituzione di appositi fondi destinati al rimborso di spese mediche e supplementari, a garanzia della tutela del benessere dei cittadini in situazioni di emergenza, anche al di fuori dal proprio paese di appartenenza?

Note legali - Informativa sulla privacy