Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
PDF 5kWORD 15k
13 giugno 2016
E-004791-16
Interrogazione con richiesta di risposta scritta E-004791-16
alla Commissione
Articolo 130 del regolamento
Enrico Gasbarra (S&D)

 Oggetto:  Ricorso collettivo
 Risposta scritta 

Nella comunicazione «Verso un quadro orizzontale europeo in materia di ricorso collettivo» del giugno 2013 la Commissione delineava una serie di principi comuni non vincolanti con i quali richiedeva agli Stati membri di introdurre misure di tutela collettiva per i cittadini europei che avessero subito restrizioni ai propri diritti in alcuni ambiti di diretta competenza comunitaria (concorrenza, consumatori, ambiente, servizi finanziari..). La comunicazione suggeriva agli Stati membri due anni per il recepimento negli ordinamenti nazionali delle linee-guida, in vista di possibili strumenti legislativi da introdurre entro quattro anni dalle raccomandazioni iniziali.

A 3 anni dalla pubblicazione delle linee-guida, come valuta la Commissione la possibilità di procedere con strumenti normativi nel settore del ricorso collettivo?

Note legali - Informativa sulla privacy