Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
PDF 104kWORD 21k
21 ottobre 2016
E-006605/2016(ASW)
Risposta di Elżbieta Bieńkowska a nome della Commissione
Riferimento dell'interrogazione: E-006605/2016

La relazione(1) sull'attuazione della «direttiva sui ritardi di pagamento» (direttiva 2011/7/UE(2)) rileva che i ritardi medi nei pagamenti sono in costante diminuzione dal 2013, sia nei contratti con la pubblica amministrazione che tra imprese.

Per quanto riguarda i contratti con gli enti pubblici che forniscono assistenza sanitaria, la direttiva concede ritardi nei pagamenti più lunghi (fino a 60 giorni), a causa della specificità dei sistemi di finanziamento e di rimborso relativi al settore sanitario negli Stati membri.

Nella relazione la Commissione ha concluso che la direttiva è in generale adeguata ai suoi scopi, pertanto non sono previste modifiche. La relazione riconosce tuttavia la necessità di ridurre ulteriormente i ritardi di pagamento in tutti i settori negli Stati membri e, per questo motivo, raccomanda un più attento monitoraggio dei termini di pagamento e lo scambio delle migliori prassi, con il sostegno della Commissione.

(1)COM (2016) 534 http://eur-lex.europa.eu/legal-content/IT/ALL/?uri=COM%3A2016 %3A534 %3AFIN
(2)http://eur-lex.europa.eu/LexUriServ/LexUriServ.do?uri=OJ:L:2011:048:0001:0010:it:PDF

Note legali - Informativa sulla privacy