• EN - English
  • IT - italiano
Interrogazione parlamentare - E-007572/2016Interrogazione parlamentare
E-007572/2016

    Criticità sullo stato di attuazione delle politiche di coesione in Italia per il periodo 2007-2013

    Interrogazione con richiesta di risposta scritta E-007572-16
    alla Commissione
    Articolo 130 del regolamento
    Raffaele Fitto (ECR)

    Nel 2007-2013, in base al Quadro strategico nazionale (QSN), l'Italia aveva programmato 124 miliardi di euro, di cui 60,3 miliardi di euro nei programmi comunitari (di cui 31 finanziati con fondi comunitari e 29 di cofinanziamento nazionale) e 64 miliardi di euro nei programmi nazionali (FSC).

    Nel 2011 il Governo italiano, a fronte dei ritardi maturati, ha avviato un'interlocuzione con la Commissione europea per accelerare la spesa. Il 7 novembre 2011 il Governo italiano e il Commissario europeo per la politica di coesione Hahn sottoscrissero il piano d'azione per la coesione (PAC) che dettagliava le azioni di revisione strategica dei programmi cofinanziati, per promuoverne l'efficacia. Il 31 dicembre 2015 si è conclusa la programmazione comunitaria 2007-2013 e il nostro paese ha centrato l'obiettivo di spesa dei fondi comunitari. In realtà però questa affermazione va contestualizzata. Al 31 dicembre 2015, infatti, sono stati rendicontati 45 miliardi di euro. Pertanto sarebbe opportuno capire come sono stati spesi i 15 miliardi di euro di PAC sottratti al monitoraggio dell'UE.

    Alla luce di tutto quanto sopra, sarebbe opportuno verificare quanto segue: