Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
PDF 7kWORD 22k
17 febbraio 2017
E-009617/2016(ASW)
Risposta di Vytenis Andriukaitis a nome della Commissione
Riferimento dell'interrogazione: E-009617/2016

A partire dal 2007 l'Autorità europea per la sicurezza alimentare (EFSA) ha pubblicato diverse relazioni relative alla presenza di furano nei prodotti alimentari:

il 2 dicembre 2009, una relazione scientifica di terzi sul furano nei prodotti alimentari sottoposti a trattamento termico, compresi quelli cotti in ambiente domestico e quelli pronti per il consumo(1);
il 18 dicembre 2009, una relazione tecnico-scientifica di terzi in materia di esposizione dei consumatori al furano attraverso i prodotti alimentari sottoposti a trattamento termico e attraverso l'aria presente in cucina(2);
il 22 agosto 2011, una relazione scientifica contenente un aggiornamento sui livelli di furano nei prodotti alimentari per gli anni di monitoraggio 2004-2010 e una valutazione dell'esposizione(3).

In seguito alla disponibilità alla fine del 2015 della relazione sul test biologico relativo alla cancerogenicità del furano patrocinato in base a un accordo interagenzia tra il National Institute of Environmental Health Sciences (NIEHS)/National Toxicology Program (NTP) e la Food and Drug Administration (FDA), la Commissione ha invitato l'EFSA, nel gennaio 2016, a formulare un parere scientifico sui rischi per la salute umana connessi alla presenza del furano e dei suoi metil-analoghi nei prodotti alimentari (mandato M-2016-0012, quesito EFSA-Q-2016-00025)(4).

L'EFSA è impegnata a realizzare la valutazione del rischio entro la fine del 2017. Una volta che sarà disponibile tale parere, la Commissione terrà conto della valutazione dei rischi e contemplerà, ove necessario e opportuno, possibili misure di regolamentazione per ridurre la presenza del furano nei prodotti alimentari al fine di assicurare un elevato livello di protezione della salute umana.

(1)http://www.efsa.europa.eu/sites/default/files/scientific_output/files/main_documents/1e.pdf
(2)http://www.efsa.europa.eu/sites/default/files/scientific_output/files/main_documents/30e.pdf
(3)EFSA Journal 2011; 9(9): 2347 http://www.efsa.europa.eu/sites/default/files/scientific_output/files/main_documents/2347.pdf
(4)http://registerofquestions.efsa.europa.eu/roqFrontend/ListOfQuestionsNoLogin?8

Avvertenza legale - Informativa sulla privacy