Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
PDF 5kWORD 16k
28 febbraio 2017
E-001348-17
Interrogazione con richiesta di risposta scritta E-001348-17
alla Commissione
Articolo 130 del regolamento
Mario Borghezio (ENF)

 Oggetto:  Arrestare l'invasione del pomodoro cinese
 Risposta scritta 

Un recente rapporto dell'organizzazione «Coldiretti» (agricoltori italiani) ha rilevato in Italia un aumento del 43 % nelle importazioni di concentrato di pomodoro cinese (ben 100 milioni di kg), pari ad un quinto della produzione nazionale.

Vi è un sensibile rischio che il concentrato di pomodoro cinese possa essere confezionato e rivenduto come prodotto italiano, dal momento che l'indicazione geografica di coltivazione del prodotto non è, ad oggi, obbligatoria, come accade invece per la passata di pomodoro.

Il prodotto cinese risulta essere quello a maggior rischio per la salute, in considerazione della presenza, più volte rilevata, di micotossine, additivi e coloranti vietati nella UE.

Ciò premesso, ha la Commissione intenzione di proporre per il concentrato di pomodoro, come è già stato fatto seppur tardivamente con la passata, l'obbligo della dichiarazione del luogo di coltivazione del pomodoro sull'etichetta, a tutela della salute dei consumatori e della produzione europea di eccellenza?

Note legali - Informativa sulla privacy