Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
PDF 5kWORD 16k
12 aprile 2017
E-002698-17
Interrogazione con richiesta di risposta scritta E-002698-17
alla Commissione
Articolo 130 del regolamento
Enrico Gasbarra (S&D)

 Oggetto:  Direttiva sulla mediazione
 Risposta scritta 

La direttiva 2008/52/CE in materia di mediazione giuridica ha rappresentato un'importante innovazione nella mentalità giuridica di molti Stati membri, allargando le possibilità di accesso alla giustizia e semplificando una serie di procedure di natura civile per molti cittadini.

Si è aperto un percorso di riflessione in materia di revisione della menzionata direttiva e va ricordato che l'attuazione della direttiva 2008/52 varia notevolmente tra gli Stati membri e che tali divergenze nel recepimento creano potenziali discriminazioni tra i cittadini europei in materia di accesso alla giustizia, soprattutto per alcuni effetti sociali derivanti da una diversa trasposizione.

Ritiene la Commissione di voler prevedere l'introduzione di criteri di equità in materia di costi nelle procedure di mediazione, con particolare riguardo alle tutele per incapienti e categorie svantaggiate?

Come intende prestare attenzione ai risvolti che la mediazione ha su alcune tematiche sociali, come sul diritto di famiglia, nei confronti del quale sono da rafforzare tutele e garanzie, introducendo in questo caso forme di omogeneità e obbligatorietà per evitare difformità su temi di tale delicatezza?

Note legali - Informativa sulla privacy