Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
PDF 103kWORD 18k
15 maggio 2017
E-003360-17
Interrogazione con richiesta di risposta scritta E-003360-17
alla Commissione
Articolo 130 del regolamento
Piernicola Pedicini (EFDD)

 Oggetto:  Rischi esposizione al creosoto
 Risposta scritta 

È stato rilevato che il sentiero 990 nei pressi del rifugio Monte Coppolo (Parco del Pollino, Basilicata) è tracciato da una scalinata di vecchie traversine ferroviarie in legno impregnate di sostanze tossiche quali il creosoto (utilizzato per renderle «impermeabili» agli agenti atmosferici) che conformemente alla decisione 2000/532/CE dovrebbero essere smaltite come rifiuti speciali pericolosi anziché riutilizzati.

Secondo l'Agenzia per le sostanze tossiche e registro malattie (ATSDS)(1) e l'Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro(2), il creosoto è probabilmente cancerogeno per l'uomo. La stessa agenzia ha portato avanti esperimenti sui ratti applicando la sostanza sulla pelle degli animali. Le cavie hanno riportato lesioni cancerogene alla pelle e in alcuni casi tumori ai polmoni.

Considerato quanto esposto, si chiede alla Commissione di specificare:
se e quali azioni intende attivare affinché le autorità locali competenti si mobilitino al più presto per avviare lo smantellamento e corretto smaltimento delle traversine, così come richiesto dalla decisione già citata.

(1)https://www.atsdr.cdc.gov/toxfaqs/tfacts85.pdf
(2)http://www.dors.it/cosenostre/testo/201204/Organo%20bersaglio_vol100_new1.pdf

Avvertenza legale - Informativa sulla privacy