Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
PDF 5kWORD 18k
13 luglio 2017
E-004830-17
Interrogazione con richiesta di risposta scritta E-004830-17
alla Commissione
Articolo 130 del regolamento
Enrico Gasbarra (S&D)

 Oggetto:  Pilastro Diritti Sociali
 Risposta scritta 

Secondo la recente Comunicazione della Commissione, il pilastro europeo dei diritti sociali si pone l'obiettivo di inserire le priorità sociali all'interno dell'agenda UE e di agire per una convergenza avanzata sulle condizioni di vita e professionali.

I principi indicati nel Pilastro riprendono in molti casi diritti già statuiti nel quadro politico e giuridico dell'Unione, riadattandoli alla luce di alcuni importanti mutamenti economici e sociali degli ultimi anni.

Stando a dichiarazioni di rappresentanti di alto profilo politico della Commissione, tali diritti potrebbero essere sanciti sotto forma di una proclamazione istituzionale da negoziare con Consiglio e Parlamento.

Può chiarire la Commissione se intende attribuire a tale futura proclamazione sui diritti sociali lo stesso percorso e status della Carta dei Diritti Fondamentali, che ottenne valore costituzionale con l'inserimento nei trattati, aprendo anche la strada a un diverso riconoscimento giuridico di alcuni dei principi sanciti?

Note legali - Informativa sulla privacy