Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

Interrogazioni parlamentari
PDF 99kWORD 19k
15 settembre 2017
E-005767-17
Interrogazione con richiesta di risposta scritta E-005767-17
alla Commissione
Articolo 130 del regolamento
Barbara Spinelli (GUE/NGL) , Marisa Matias (GUE/NGL) , Sofia Sakorafa (GUE/NGL) , Josef Weidenholzer (S&D) , Bart Staes (Verts/ALE) , Bronis Ropė (Verts/ALE) , Alfred Sant (S&D) , Laura Ferrara (EFDD) , Josep-Maria Terricabras (Verts/ALE) , Stelios Kouloglou (GUE/NGL) , Kostas Chrysogonos (GUE/NGL) , Elly Schlein (S&D) , Marie-Christine Vergiat (GUE/NGL) , Eleonora Evi (EFDD) , Stefan Eck (GUE/NGL) , Sylvie Guillaume (S&D) , Benedek Jávor (Verts/ALE) , Eva Joly (Verts/ALE) , Sergio Gaetano Cofferati (S&D) , Norica Nicolai (ALDE) , Elena Valenciano (S&D) , Claude Rolin (PPE) , Josu Juaristi Abaunz (GUE/NGL) , Dimitrios Papadimoulis (GUE/NGL) , Fabio Massimo Castaldo (EFDD) , Andrejs Mamikins (S&D) , Tanja Fajon (S&D) , Hilde Vautmans (ALDE) , Juan Fernando López Aguilar (S&D) , Nessa Childers (S&D) , Miguel Urbán Crespo (GUE/NGL) , Neoklis Sylikiotis (GUE/NGL) , Gabriele Zimmer (GUE/NGL) , Ana Gomes (S&D) , Ernest Urtasun (Verts/ALE) , Takis Hadjigeorgiou (GUE/NGL) , Nicola Caputo (S&D) , Tania González Peñas (GUE/NGL) , Julie Ward (S&D) , Javier Nart (ALDE) , Ramon Tremosa i Balcells (ALDE) , Mady Delvaux (S&D) , Nathalie Griesbeck (ALDE) , Sabine Lösing (GUE/NGL) , Jordi Solé (Verts/ALE) , Soraya Post (S&D) , Dietmar Köster (S&D) , Molly Scott Cato (Verts/ALE) , Ivan Jakovčić (ALDE) , Kostadinka Kuneva (GUE/NGL) , Barbara Lochbihler (Verts/ALE) , Nikolaos Chountis (GUE/NGL) , Helmut Scholz (GUE/NGL) , José Inácio Faria (PPE)

 Oggetto:  Applicazione delle decisioni 2015/1523 e 2015/1601 sulla ricollocazione, prima della loro data di scadenza (26 settembre 2017)
 Risposta scritta 

In una sentenza del 6 settembre 2017 la Corte di giustizia europea ha respinto i ricorsi di Slovacchia e Ungheria per contestare la ricollocazione, rilevando che «la mancanza di cooperazione da parte di taluni Stati membri» è la principale causa dell'esiguo numero di ricollocazioni dei richiedenti protezione internazionale.

Un documento pubblicato dal Consiglio europeo per i rifugiati e gli esuli (ECRE) dal titolo «Relocation not Procrastination» conclude che la resistenza politica e giuridica alla ricollocazione dei richiedenti protezione internazionale si manifesta in forme che vanno da «preferenze inaccettabili espresse da alcuni Stati membri a gravi ritardi nell'impegno a determinare i posti di ricollocazione, nonché nell'elaborazione e fornitura di offerte, da parte dell'Italia e della Grecia»(1).

La data di scadenza (26 settembre 2017) per l'applicazione delle decisioni 2015/1523 e 2015/1601 sulla ricollocazione è vicina.

1. Intende la Commissione avviare altre procedure d'infrazione nei confronti degli Stati membri inosservanti?

2. Intende rivedere le dichiarazioni di Dublino, per quanto concerne l'Italia e la Grecia, dando la priorità agli elementi di solidarietà delle ricollocazioni?

3. Nel settembre del 2015 il Presidente Juncker ha annunciato la creazione di un meccanismo permanente di ricollocazione, a norma del sistema di Dublino, e nel maggio del 2017 il Parlamento ha chiesto alla Commissione di presentare una nuova proposta in materia di ricollocazione, in attesa della riforma del sistema di Dublino. Per quale motivo il commissario Avramopoulos ha dichiarato che la Commissione non presenterà nuove proposte sul tema?

(1)https://www.ecre.org/wp-content/uploads/2017/09/Policy-Note-07.pdf

Lingua originale dell'interrogazione: EN 
Note legali - Informativa sulla privacy