Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
PDF 7kWORD 21k
13 dicembre 2017
E-006300/2017(ASW)
Risposta di Vytenis Andriukaitis a nome della Commissione
Riferimento dell'interrogazione: E-006300/2017

La Commissione ha effettuato degli audit in Italia che hanno valutato l'attuazione dei controlli relativi alla direttiva 2007/43/CE(1); l'audit del 2011 è stato effettuato a livello di allevamenti, mentre quello del 2014 era incentrato sul monitoraggio e sul follow-up a livello di macelli(2). La relazione di audit del 2011 ha evidenziato alcune lacune ma non sono state riscontrate non conformità di rilievo. La relazione di audit del 2014 ha individuato carenze nella trasmissione di dati dall'azienda al macello. Le relazioni di audit contenevano raccomandazioni all'Italia per far fronte a tali conclusioni e le autorità competenti hanno fornito una documentazione attestante che le stesse sono state affrontate in modo soddisfacente. L'ultima raccomandazione ancora da affrontare è reperibile nel profilo paese relativo all'Italia(3).

L'articolo 6, paragrafo 3, della direttiva 2007/43/CE dispone che la Commissione trasmetta al Parlamento europeo ed al Consiglio una relazione sull'applicazione della direttiva nell'Unione europea e sui suoi effetti sul benessere dei polli, nonché sullo sviluppo degli indicatori di benessere. La questione del benessere dei polli da carne sarà ulteriormente approfondita nell'ambito di tale relazione, che dovrebbe essere pubblicata durante il primo trimestre del 2018.

Conformemente all'articolo 9, paragrafo 1, della direttiva 2003/99/CE(4), l'Italia presenta relazioni sulle misure di sorveglianza delle zoonosi e degli agenti zoonotici. È possibile consultare i dati relativi all'Italia nella relazione di sintesi dell'Unione europea su tendenze e fonti di zoonosi, agenti zoonotici e focolai di tossinfezione alimentare, pubblicata dall'Autorità europea per la sicurezza alimentare e dal Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie(5).

(1)Direttiva 2007/43/CE del Consiglio, del 28 giugno 2007, che stabilisce norme minime per la protezione dei polli allevati per la produzione di carne (GU L 182 del 12.7.2007, pag. 19).
(2)http://ec.europa.eu/food/audits-analysis/audit_reports/details.cfm?rep_id=2842 e http://ec.europa.eu/food/audits-analysis/audit_reports/details.cfm?rep_id=3347
(3)http://ec.europa.eu/food/audits-analysis/country_profiles/details.cfm?co_id=IT, cfr. pagina 93 (Raccomandazione 2014-7075-10).
(4)Direttiva 2003/99/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 17 novembre 2003, sulle misure di sorveglianza delle zoonosi e degli agenti zoonotici, recante modifica della decisione 90/424/CEE del Consiglio e che abroga la direttiva 92/117/CEE del Consiglio (GU L 325 del 12.12.2003, pag. 31).
(5)Ultima versione (dati relativi al 2015) disponibile all'indirizzo http://www.efsa.europa.eu/it/press/news/161216.

Avvertenza legale - Informativa sulla privacy