Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
PDF 5kWORD 17k
12 ottobre 2017
E-006448-17
Interrogazione con richiesta di risposta scritta E-006448-17
alla Commissione
Articolo 130 del regolamento
Enrico Gasbarra (S&D)

 Oggetto:  Work-life balance: congedi parentali ed equità salariale di genere
 Risposta scritta 

La recente proposta di modifica della direttiva 2010/18 in materia di work-life balance costituisce un'azione legislativa di primo piano nell'attuazione delle priorità indicate nel recente pacchetto del cosiddetto pilastro dei diritti sociali.

Alla genesi della proposta normativa si inserisce tuttavia una difficoltà da parte delle parti sociali a trovare un accordo su un «framework agreement», come previsto dalla procedura in materia di legislazione sociale europea, nonostante una fase negoziale durata quasi due anni. Può la Commissione dichiarare quale tipo di azioni ha effettuato per incoraggiare il raggiungimento di un accordo, considerando in particolare le distanze tra le parti sociali sul tema del maternity leave e degli accordi di equità salariale?

Note legali - Informativa sulla privacy