Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
PDF 99kWORD 18k
30 ottobre 2017
E-006743-17
Interrogazione con richiesta di risposta scritta E-006743-17
alla Commissione
Articolo 130 del regolamento
Nicola Caputo (S&D)

 Oggetto:  Monopolio delle quote di pesca
 Risposta scritta 

In alcuni luoghi i grandi armatori operano in una situazione di quasi monopolio e dispongono di una quota elevata di pesca a scapito delle molte operazioni su piccola scala e dei piccoli porti. Questo, ad esempio, succede per la ripartizione delle quote di tonno rosso e di pesce spada in Italia. Di conseguenza, un certo numero di comunità locali hanno perso posti di lavoro nelle industrie della pesca in mare aperto, cosa che non sarebbe avvenuta se le quote fossero state distribuite in modo più uniforme.

L'articolo 17 del regolamento (UE) n.1380/2013 relativo alla politica comune della pesca (PCP) specifica che gli Stati membri sono obbligati a utilizzare criteri di ripartizione trasparenti e oggettivi nell'attribuzione delle quote di pesca assegnate alle navi battenti la loro bandiera.

Nei limiti delle sue competenze, può la Commissione far sapere:
se ha intenzione di intraprendere iniziative per imporre un massimale al contingente assegnato a ciascuna operazione di pesca quando l'articolo 17 del regolamento sulla PCP non è rispettato;
se ha intenzione di specificare ulteriormente i requisiti dei criteri di assegnazione utilizzati dagli Stati membri, con particolare riguardo alla trasparenza e all'obiettività?
Avvertenza legale - Informativa sulla privacy