Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
PDF 5kWORD 17k
20 marzo 2018
E-000528/2018(ASW)
Risposta di Karmenu Vella a nome della Commissione
Riferimento dell'interrogazione: E-000528/2018

Nella seduta plenaria del Parlamento Europeo del 5 febbraio 2018, la Commissione ha condannato con la massima fermezza i test diagnostici eseguiti su esseri umani e scimmie finanziati da Volkswagen, Daimler e BMW. Questi test non sono previsti né dalla normativa dell'UE in materia di omologazione dei veicoli, né da qualsiasi altra normativa europea.

Le norme dell'UE in materia di sperimentazione clinica e sugli animali sono tra le più stringenti. Tenuto conto delle norme rigorose che disciplinano il ricorso alla sperimentazione animale nell'UE, è ferma convinzione della Commissione che essa non sia da considerare ammissibile nel suo territorio.

Spetta agli Stati membri garantire che queste leggi e questi standard vengano rispettati. Sebbene i test sulle scimmie siano stati eseguiti al di fuori del territorio dell'Unione e non rientrino dunque nel campo di applicazione della direttiva UE sulla sperimentazione animale(1), le sperimentazioni cliniche sull'uomo sono state eseguite in Germania — che ha già precisato che procederà ad ulteriori indagini.

(1)Direttiva 2010/63/UE (GU L 276 del 20.10.2010, pag. 33).

Ultimo aggiornamento: 28 marzo 2018Avvertenza legale - Informativa sulla privacy