Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
PDF 101kWORD 19k
16 maggio 2018
E-001532/2018(ASW)
Risposta di Vytenis Andriukaitis a nome della Commissione
Riferimento dell'interrogazione: E-001532/2018

L'articolo 13 del trattato sul funzionamento dell'Unione europea(1) relativo alla politica dell'Unione in materia di benessere degli animali così recita:

«Nella formulazione e nell'attuazione delle politiche dell'Unione nei settori dell’agricoltura, della pesca, dei trasporti, del mercato interno, della ricerca e sviluppo tecnologico e dello spazio, l'Unione e gli Stati membri tengono pienamente conto delle esigenze in materia di benessere degli animali in quanto esseri senzienti, rispettando nel contempo le disposizioni legislative o amministrative e le consuetudini degli Stati membri per quanto riguarda, in particolare, le tradizioni culturali e il patrimonio regionale.»

Il benessere degli animali randagi non rientra in nessuna delle suddette politiche dell'Unione.

Alla luce di quanto sopra, la Commissione non prevede di prendere iniziative nel settore in questione.

(1)https://eur-lex.europa.eu/legal-content/IT/TXT/PDF/?uri=CELEX:12012E/TXT&from=IT

Ultimo aggiornamento: 25 maggio 2018Avvertenza legale - Informativa sulla privacy