Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
PDF 6kWORD 18k
15 marzo 2018
E-001586-18
Interrogazione con richiesta di risposta scritta E-001586-18
alla Commissione
Articolo 130 del regolamento
Mara Bizzotto (ENF)

 Oggetto:  Politica di coesione post 2020 — Ipotesi di tagli ai fondi UE per le Regioni italiane nel prossimo quadro finanziario pluriennale
 Risposta scritta 

Il 14 febbraio 2018 la Commissione ha presentato una prima proposta non definitiva sulle prospettive finanziarie dell'UE post-2020 (COM(2018)0098), con tre scenari per il quadro finanziario pluriennale (QFP) 2021-2027. Due su tre prevedrebbero la riduzione nel bilancio comunitario dei fondi per la politica di coesione: con un taglio del 15 % le Regioni del Centro-Nord Italia non sarebbero più beneficiarie di questi fondi strutturali, mentre con un taglio del 30 % tutta l'Italia ne resterebbe esclusa.

I fondi strutturali sono uno strumento importantissimo per le Regioni e gli enti locali, per garantire servizi quali, ad esempio, i corsi di formazione professionale per i giovani e quelli di reinserimento lavorativo per i disoccupati, la cassa in deroga e gli assegni per la ricerca universitaria. I finanziamenti europei della programmazione 2014-2020 per gli investimenti per la crescita e l'occupazione nella Regione Veneto ammontano a 682 milioni di EUR e lo scorso febbraio la Conferenza delle Regioni e delle Province Autonome italiane ha espresso forte preoccupazione riguardo all'ipotesi di tagli ai fondi di coesione.

In considerazione di quanto precede, può la Commissione rispondere ai seguenti quesiti:
1) nell'elaborazione della proposta definitiva per il QFP 2021-2027 intende prestare attenzione alle preoccupazioni sollevate dalle Regioni italiane?
2) Ritiene possibile mantenere inalterato l'attuale bilancio dei fondi per la coesione, assicurando in questo modo un adeguato sostegno a tutte le Regioni italiane ed europee?
Ultimo aggiornamento: 28 marzo 2018Note legali - Informativa sulla privacy