Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
PDF 6kWORD 19k
28 marzo 2018
E-001862-18
Interrogazione con richiesta di risposta scritta E-001862-18
alla Commissione
Articolo 130 del regolamento
Salvatore Domenico Pogliese (PPE)

 Oggetto:  Sostegno alla lettura dei libri nell'UE
 Risposta scritta 

I dati statistici indicano un costante declino del numero di lettori di libri nell'UE. In Italia ad esempio, secondo i dati Istat del 2017, nel corso dei sei anni precedenti sono stati registrati 3 milioni e 300 mila lettori in meno. Si tratta di un calo preoccupante, in particolare per quanto concerne le nuove generazioni e la fascia d'età compresa tra gli 11 e i 14 anni. Inoltre, molti esperti indicano la necessità di favorire la cosiddetta «lettura lunga», ossia quella dei libri, rispetto alla cosiddetta «lettura breve», ossia quella delle notizie di attualità e dei contenuti dei social media. Per quanto concerne i giovani, sono in aumento le segnalazioni di crescenti difficoltà nell'analisi e nella comprensione dei testi scritti. Tali difficoltà sembrano essere accentuate dalla insufficiente lettura di libri.

Alla luce di quanto precede, può la Commissione far sapere:
1. quali iniziative possono essere intraprese al fine di favorire, all'interno degli Stati membri, l'aumento del numero di lettori di libri;
2. se ha intenzione di proporre iniziative mirate volte a promuovere la lettura di libri nelle fasce di popolazione più giovane?
Ultimo aggiornamento: 12 aprile 2018Avvertenza legale - Informativa sulla privacy