Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
PDF 6kWORD 18k
20 aprile 2018
E-002227-18
Interrogazione con richiesta di risposta scritta E-002227-18
alla Commissione
Articolo 130 del regolamento
Mara Bizzotto (ENF)

 Oggetto:  Spese per l'accoglienza degli immigrati presunti profughi: costi insostenibili per l'Italia
 Risposta scritta 

Il 7 marzo 2018 la Corte dei Conti italiana ha pubblicato la relazione «La “prima accoglienza” degli immigrati: la gestione del Fondo nazionale per le politiche e i servizi dell'asilo (2013-2016)», che evidenzia che per l'accoglienza degli immigrati presunti profughi, al netto dei cosiddetti costi indiretti, l'Italia ha affrontato nel 2016 una spesa di ben 1,7 miliardi di euro. A queste spese l'UE ha contributo con soli 46,8 milioni di euro, pari al 2,7 % del costo totale sostenuto dall'Italia. Nella relazione si evidenzia anche che l'Italia sta sostenendo i costi per i mancati ricollocamenti in altri Paesi UE dei richiedenti asilo, che al 15 ottobre 2017 ammontavano a 762,5 milioni di euro.

L'Italia è tuttora il Paese UE con il maggior numero di sbarchi di clandestini presunti profughi e oltre alle ingenti spese per l'accoglienza, l'Italia è costretta a sostenere anche i costi dell'insufficiente solidarietà europea.

Alla luce di quanto precede può la Commissione rispondere ai seguenti quesiti:
1) Può spiegare la ragione per la quale il contributo UE si è limitato solo al 2,7 % delle spese sostenute dall'Italia per l'accoglienza nel 2016?
2) Può indicare l'ammontare dei fondi stanziati nella precedente (2007-2013) e nell'attuale programmazione (2014-2020) per l'accoglienza degli immigrati presunti profughi in Italia attraverso i diversi programmi predisposti dall'UE?
3) Può far sapere come intende aumentare il sostegno finanziario all'Italia per i costi relativi agli immigrati?
Ultimo aggiornamento: 8 maggio 2018Note legali - Informativa sulla privacy