Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
PDF 101kWORD 19k
26 giugno 2018
E-002277/2018(ASW)
Risposta di Věra Jourová a nome della Commissione
Riferimento dell'interrogazione: E-002277/2018

L’obiettivo e i compiti dell’Agenzia dell’Unione europea per i diritti fondamentali (FRA), come definiti negli articoli 2 e 4 del suo atto costitutivo(1) sono di fornire ai responsabili politici nazionali e dell’UE i dati, le competenze e l’assistenza di cui hanno bisogno per elaborare politiche basate su elementi concreti in materia di diritti fondamentali. L’Agenzia per i diritti fondamentali non è un organo politico o di controllo e non può pertanto prendere posizione o provvedere su singoli casi negli Stati membri.

Tuttavia, la Commissione europea, in quanto custode dei trattati, verifica il recepimento della pertinente legislazione dell’UE negli Stati membri, in particolare la direttiva sull’uguaglianza razziale(2) e la decisione quadro sulla lotta contro il razzismo(3). Al fine di prevenire la discriminazione e il razzismo, anche l’afrofobia, la Commissione europea ha preso varie iniziative, come il sostegno alle carte della diversità per i datori di lavoro nell’Unione europea e un codice di condotta per contrastare l’illecito incitamento all’odio online.

(1)Regolamento (CE) n. 168/2007 del Consiglio del 15 febbraio 2007 che istituisce l’Agenzia dell’Unione europea per i diritti fondamentali
(2)Direttiva 2000/43/CE del Consiglio, del 29 giugno 2000, che attua il principio della parità di trattamento fra le persone indipendentemente dalla razza e dall’origine etnica
(3)Decisione quadro 2008/913/GAI del Consiglio, del 28 novembre 2008, sulla lotta contro talune forme ed espressioni di razzismo e xenofobia mediante il diritto penale.

Ultimo aggiornamento: 27 giugno 2018Note legali - Informativa sulla privacy