Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
PDF 33kWORD 22k
17 aprile 2019
E-000248/2019(ASW)
Risposta di Günther Oettinger a nome della Commissione europea
Riferimento dell'interrogazione: E-000248/2019

La Commissione non è in grado di rispondere alla domanda dell'onorevole deputata su eventuali regole adottate dalle altre istituzioni europee in materia di neutralità di genere nel linguaggio.

La Commissione desidera, tuttavia, richiamare l'attenzione dell'onorevole deputata sul Manuale interistituzionale di convenzioni redazionali, di cui è responsabile l'Ufficio delle pubblicazioni dell'Unione europea. Il manuale contiene raccomandazioni utili al personale di tutte le istituzioni dell'UE riguardo all'uso di forme neutre(1).

Per quanto concerne i servizi della Commissione, nello specifico, vari dipartimenti linguistici della direzione generale della Traduzione (DGT) hanno stilato manuali di convenzioni redazionali per la propria lingua che contengono capitoli dedicati all'argomento(2). Anche la campagna «Scrivere chiaro» dell'unità di qualità linguistica della DGT offre preziosi consigli sulle forme neutre dal punto di vista del genere.

Gli interpreti della direzione generale dell'Interpretazione sono, per formazione, a conoscenza delle convenzioni riguardanti la neutralità di genere nelle rispettive lingue di lavoro. Tuttavia, la loro missione consiste nel trasmettere il messaggio generale restando fedeli al contenuto e alla forma del discorso originale.

Infine, la Commissione tiene a sottolineare che si adopera per la rigorosa applicazione dei principi di parità di genere e non discriminazione, anche nelle scelte linguistiche. Sebbene non tutte le lingue dell'UE si prestino in egual misura all'uso di una forma neutra soddisfacente sotto il profilo linguistico, la Commissione continuerà a fare attenzione a questo aspetto nelle diverse versioni linguistiche dei suoi documenti, che hanno pari valore.

(1)http://publications.europa.eu/code/en/en-4100600en.htm
(2)Ad esempio: https://ec.europa.eu/info/sites/info/files/styleguide_english_dgt_en.pdf https://ec.europa.eu/info/sites/info/files/styleguide_bulgarian_dgt_bg_0.pdf

Ultimo aggiornamento: 26 aprile 2019Note legali - Informativa sulla privacy