Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
PDF 37kWORD 18k
27 febbraio 2019
E-001044-19
Interrogazione con richiesta di risposta scritta E-001044-19
alla Commissione
Articolo 130 del regolamento
Rosa D'Amato (EFDD)

 Oggetto:  Cromo esavalente TAP
 Risposta scritta 

Il test di cessione effettuato sul cemento del pozzo di spinta del cantiere TAP, eseguito secondo il metodo ufficiale, si è avvalso del prelievo di un campione di cemento che è stato messo a contatto con acqua deionizzata.

Il test ha rilevato una concentrazione di cromo esavalente pari a 11,3 µg/l. Questo valore non è paragonabile a un limite di riferimento, in quanto il test si applica nella classificazione dei rifiuti. L'analisi è stata eseguita con questo metodo perché è l'unico a possedere una procedura standard che si può effettuare per verificare il rilascio del tossico a contatto con acqua.

Non è possibile stabilire il possibile raggiungimento di tale livello nelle acque sotterranee (il cui valore massimo è pari a 5 µg/l). Il cemento di cui è costituito il pozzo di spinta, a contatto con l'acqua, può rilasciare un quantitativo di cromo esavalente che, in condizioni di normalità, non dovrebbe essere presente. Quando verrà sfondata la parete del versante est del pozzo, il rischio di contaminazione aumenterà poiché non si avrà più il rilascio da una superficie compatta.

Ritiene la Commissione congrua la misura di prevenzione di cui all'articolo 5 della direttiva 2004/35/CE, consistente nella fermata di ogni attività del cantiere TAP?

Ultimo aggiornamento: 11 marzo 2019Avvertenza legale - Informativa sulla privacy